Fuori Tema

Quando Internet andava a 56K (Parte II)

Scritto da Dostalgia


Se non fosse stato per un gentile, quanto inaspettato (non lo fa quasi nessuno) commento su di un vecchissimo post, non avrei mai ricordato di aver promesso, per quanto ve ne possa fregare, un approfondimento sulle mie prime esperienze con internet. Fatta eccezione per le classiche ricerche sul porno e su (presuntissimi) generatori di numeri di carte di credito per accedere ai siti porno, la mia attività su internet era legata maggiormente all’uso delle chat.

Quando dico Chat, intendo mIRC. Ne ho provate tante e di tutti i tipi ma mIRC è quella che più mi è rimasta nel cuore. Ai miei tempi (ma se stai leggendo questo, di sicuro già lo sai) funzionava che le così dette stanze su mIRC erano una Chat generale, dove tutti leggevano tutto quello che si scriveva. Quello che oggi potrei paragonare ad un “Gruppo Facebook”. Poi si, c’era la “Chat Privata”, quella che in gergo tecnico era la “Query”, dove si poteva chattare esclusivamente con un utente. Ma il vero “salto di categoria” lo si faceva quando l’interlocutore era d’accordo a scambiarsi il contatto MSN. Con il solito parallelismo moderno, potrei dire che era come se, dopo aver interagito con qualcuno su di un gruppo Facebook, questo ti accettasse la richiesta di amicizia.

Pur essendo “un tipo sveglio” per questo genere di argomenti, ero comunque mooolto inesperto e ignorante. Quando sono venuto a conoscenza del quadro totale, devo ammettere di esserci rimasto male.

I miei erano collegamenti sporadici e soprattutto, notturni, proprio causa del costo (relativamente) elevato della connesione e della pecca di avere il telefono occupato. Ammetto che con il tempo la mattina prima di andare al lavoro mi concedevo UN MINUTO (di orologio) ma soltanto per scaricare la posta.

I collegamenti veri e propri per me, erano il sabato notte. Una volta tornato da un giro con gli amici rimanevo una o due ore sveglio (quindi fino all’una o all due) a navigare il web o, come detto più su, a chattare.

Quello che ignoravo era che esistessero canali irc italiani. Il mitico “irc.tin.it” non sapevo neanche cosa fosse. Andavo di default con quelli suggeriti da mIRC.

Poi venne l’ADSL che mi permetteva di rimanere sempre collegato ed è stato proprio in quei giorni che ho scoperto che esisteva una rete italiana così fitta da includere anche “stanze” della mia cittadina. Ormai era tutto organizzato. BOT, MODERATORI, aspiranti tali e tanti nick fantasiosi ed io ero l’ultimo arrivato. Li dentro ho conosciuto gente fantastica, magari se state leggendo dall’Abruzzo vi sarà anche capitato di incrociare Nick quali “Farina00”, “KerryK|ng”, “JouleZ” o “Sgr4ng” dietro ai quali si nascondevano persone colte, ironiche e, per certi versi, geniali. Forse avrete incontrato gli onnipresenti “Jackson'” e “Daddareia”.

Ma l’amore per questi soggetti e per il “Mio” canale #Ortona non sbocciò ON-LINE ma … dal vivo.

Uno dei fondatori, intelligentissimo, arguto e brillante era “Farina00” un ragazzo di Roma che non so come si è trovato a “prestare” i suoi BOT al canale. Credo che in lui sia scattato un colpo di fulmine (più o meno quello che ho avuto in seguito anche io) con il canale e con i suoi frequentatori, tanto da farsi di tanto in tanto un viaggetto di un paio d’ore da Roma fino ad Ortona in più occasioni.

Una delle occasioni principali era il tanto amato ed odiato “MEETING DEL CANALE”. Perché odiato? Boh. Almeno per me mi creava imbarazzo “mettere il mio volto” (che non ho mai, mai sopportato), alle stronzate che scrivevo la sopra. In più mi sentivo stupido a dire “io sono Linger”. Suvvìa, un nomignolo auto-appioppato per cosa?

Cercavo sempre di evitarli. Il primo in assoluto (ahimè, dico oggi) l’ho disertato ma il secondo … al secondo non ho potuto dire di no (e devo ringraziare la mia fallace e fallica memoria). Una sera, o meglio LA SERA del “II Meeting Ufficiale Del Canale #Ortona” avevo deciso, completamente dimentico di questo evento, di andare a cena fuori con un mio amico: ENZO.

Insomma eravamo li che camminavamo verso il PUB dove avremmo mangiato cibi malsani quand’ecco che in lontananza scorgo un nutrito gruppo di persone in un assembramento che oggi sarebbe illegale.

«Porca troia» dico «il meeting del canale». Enzo, brillante pianista Jazz (ora emigrato in Francia, fondatore di una sua Band) ma disinteressato all’informatica fatica a capire il mio imprecare. Spiego tutto (compreso il fatto che ormai siamo incastrati – non voglio apparire SNOB – ) nel giro di pochi passi ed eccoci che ci presentiamo con grandi strette di mano.

Naturalmente, io mi presento con il Nick-Name, ma Enzo, che non chatta si presenta col suo nome: ENZO.

Farina00 che è il primo a presentarsi è interdetto:

«Cazzo?!»

«Enzo», ripete il mio amico. E Farina00 «Ah Enzo! Mi sembrava di non aver mai visto il nick “CAZZO”»

Ma, tornando al periodo “56K” potrei continuare a tediarvi dicendo che le cose, all’inizio non è che fossero poi così sotto controllo per quanto mi riguarda. La curiosità era alle stelle e le “dosi di somministrazione” erano così sporadiche che nei sabato sera facevo letteralmente indigestione di internet. Quando staccavo tutto, spinto solo dal pensiero della bolletta, poi non riuscivo a dormire bene. Ogni tanto mi è anche capitato di passare notti in bianco. Ricordo anche di un periodo dove la locale azienda per la fornitura elettrica aveva un programma di manutenzione (o ammodernamento) della rete che era in programma ogni sabato notte, dalle 2 fino alle prime ore del mattino. In quei casi, sfidavo l’architettura di Windows costringendola ad un arresto improvviso pur conoscendo bene l’orario di distacco dell’energia elettrica. Insomma era la compagnia elettrica a dirmi “Hai esagerato! Ora cerca di dormire”.

Se avete avuto la disgrazia di leggere tutta questa sbobba, narrate anche delle vostre!

Lascia un Commento